Taste of Tanzania • Parco Tarangire, Cratere Ngorongoro
durata
4 notti
luogo di partenza
alberghi della città
riferimento itinerario
KS232
giorno di partenza
martedì
mezzo di trasporto
landcruiser 4x4
 


  • itinerario
  • tariffe
  • lodge
  • parchi

1° giorno Arusha – Parco Tarangire - 125 km / 2h circa
Dopo la prima colazione partenza alla volta del Parco Tarangire. Pranzo al lodge e nel pomeriggio fotosafari nel parco. Cena e pernottamento al Tarangire Sopa Lodge (o similare).

2° giorno Parco Tarangire - Cratere Ngorongoro - 160 km / 2h/30 circa
Di buon mattino partenza alla volta del Lago Manyara con fotosafari lungo la strada che conduce al gate. Fotosafari nel Lake Manyara National Park con picnic lunch. Nel pomeriggio proseguimento per il cratere di Ngorongoro ove si giungerà per la cena e il pernottamento presso il Ngorongoro Sopa Lodge (o similare).

3° giorno Cratere Ngorongoro
Intera giornata di fotosafari all'interno del cratere del Ngorongoro con il pranzo al sacco. Cena e pernottamento al Ngorongoro Sopa Lodge (o similare).

4° giorno Cratere Ngorongoro - Arusha - 215 km / 3h circa
Dopo la prima colazione partenza per Arusha ove si giungerà nella tarda mattinata.

I prezzi sono da intendersi per persona per l'intero itinerario

dal 16 dicembre 2017 al 21 dicembre 2018
Prezzi a partire da US$ 1.045 a persona in camera doppia

I safari prenotati oltre i 90 giorni dalla data di partenza vengono garantiti minimo due persone e sono soggetti alla disponibilità dei lodge e del posto auto. I safari prenotati entro i 90 giorni dalla data di partenza vengono garantiti anche per 2/3 persone solo se la partenza è già aperta e i posti nei lodge e sull’auto sono disponibili. Nel caso la partenza non sia disponibile verrà suggerita una partenza alternativa disponibile. Con un minimo di 4 persone la partenza viene garantita salvo disponibilità delle camere e dei posti sull’auto. I prezzi per le partenze a cavallo tra due periodi (data di partenza in un periodo e termine del safari nel successivo) sono soggetti a riconferma.

Tarangire Sopa
Nascosto tra le kopjes, si trova il Tarangire Sopa Lodge, circondato da alberi baobab antichi, si trova nel parco con la più grande concentrazione di elefanti in Africa.
Il lodge si trova a 118 km a sud ovest di Arusha, a circa 2 ore di auto oppure a 20 minuti di volo seguito da un altro trasferimento via terra di 20 minuti.
L’atrio, spazioso e luminoso con pavimenti in marmo, ha le porte scorrevoli in vetro che si aprono su una veranda dove è possibile rilassarsi e godersi il panorama.
Il lodge dispone di 75 camere, tutte dotate di salottino privato, bagno, 2 letti king size e balcone, da cui si gode il paesaggio; 4 di queste camere sono adatte per i disabili.

Ngorongoro Sopa Lodge
Il lodge si trova a 170 km da Arusha, arroccato sul bordo del cratere di Ngorongoro, patrimonio mondiale, spesso definito come l'ottava meraviglia del mondo, e ha la vista più bella sul fondo del cratere, che è la patria di grandi mandrie di bufali, gnu, zebre, il rinoceronte nero, elefanti, ghepardi, leopardi, leoni e branchi di gazzelle e gnu.
La sua posizione sul bordo orientale permette anche la vista più spettacolare del tramonto africano.
La lobby è molto spaziosa, e ha un soffitto alto e una cupola di vetro. Tè e caffè sono liberamente a disposizione degli ospiti nella zona bar.
La lobby inferiore ha una grande vetrata, che si apre sulla veranda, con vista sulla piscina. Tutte le 91 camere doppie sono molto spaziose con due letti queen size e una zona guardaroba indipendente.
Il ristorante è a forma circolare, e il soffitto assomiglia all'interno di un ombrello.
Ngorongoro Sopa è la cornice ideale per cerimonie di nozze di piccole dimensioni.

Parco nazionale di Tarangire
Giorni che si susseguono senza nubi. L’intenso sole tropicale inaridisce il paesaggio, riducendo la terra a polvere di colore rosso, seccando le piante fino a renderle fragili e gialle come la paglia. Il fiume Tarangire si è prosciugato fino a diventare l’ombra di quello della stagione umida. Eppure pullula di animali selvatici. Nomadi assetati hanno percorso centinaia di chilometri riarsi sapendo che qui si trova sempre acqua.
Una quantità infinita di elefanti grattano il letto asciutto del fiume in cerca di torrenti sotterranei, mentre gnu, zebre, bufali, impala, gazzelle, alcefali e alcine affollano le ristrette lagune: la più grande concentrazione di animali selvatici al di fuori dell’ecosistema del Serengeti, un vero e proprio banchetto per i grandi predatori.
Poi, quando finalmente cade la prima pioggia, questi visitatori stagionali si sparpagliano su un’area di 20.000 kmq fino ad esaurire le verdi pianure e fino a quando il fiume li attirerà nuovamente. I gruppi di elefanti del Tarangire si incontrano facilmente, bagnati o asciutti. E le paludi, di colore verde tutto l’anno, sono le principali risorse per le 550 specie di uccelli del parco, uno dei numeri più alti tra tutte le riserve naturali del mondo.
Su terreni asciutti troverete l’otarda di Kori, l’uccello volante più pesante al mondo; lo struzzo, l’uccello più grande del mondo; e piccoli gruppi di bucorvi che gloglottano come tacchini. Gli appassionati di ornitologia potranno scorgere gli striduli stormi di inseparabili dal collare giallo, l’uccello tessitore coda rossa dal mantello grigiastro e lo storno cenerino, tutte specie endemiche della Tanzania centro-settentrionale.
I termitai abbandonati sono spesso frequentati da colonie di tenere manguste nane, e coppie di barbuti giallorossi, che attirano l’attenzione per il loro regolare duetto sonoro. I pitoni del Tarangire si arrampicano sugli alberi, così come i leoni e i leopardi, che oziano sui rami dove il frutto dell’albero delle salsiccia nasconde la contrazione di una coda.


Area di conservazione del cratere del Ngorongoro

La prima occhiata al cratere di Ngorongoro toglie il respiro! Questo vulcano collassato su se stesso misura 250 kmq e ha una profondità dal bordo alla sua base di 600 m. al suo interno vi sono più di 20.000 animali che trovano riparo nella zona protetta, gli ultimi black rhino della Tanzania, quando escono dalla vegetazione e si fanno osservare, offrono una delle loro migliori pose con l'imponente muro del vulcano alle loro spalle.
Il fondo del cratere offre diversi habitat, dalla classica savana color giallo, ma che durante le piaggie si trasforma in un verde brillante, alla foresta di acace dalla corteccia gialla, dal lago di soda che domina il centro del cratere ai laghi di acqua fresca che si adagiano vicino ai bordi del cratere e danno riparo a migliaia di uccelli e a svariati ippopotami.
I leoni, le gazzelle, le molti tipi di antilopi e, nell fitto della foresta, il leopardo completano le specie avvistabili in questo luogo, protetto dall'UNESCO come una delle meraviglie mondiali.
L'area si estende anche fuori dal cratere e comprende le famose gole di Olduvai, dove la famiglia Leakey ha scoperto alcuni tra i più vecchie ossa fossili dei nostri antenati.
Sempre nelle vicinanze ci sono altri crateri, come l'Olmoti, l'Empakaai, l'Oldonyo lengai che offrono a chi vuole avventurarsi in circuiti un pò diversi e "off road", una scelta completa e adeguata a tutti i gusti.